La sfida delle migrazioni africane

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
30 luglio 2021
Nel lontano 1962, l’intellettuale francese Raymond Claude Ferdinand Aron pubblicò un saggio che allora fece un certo scalpore dal titolo Paix et guerre entre les nations, (Pace e guerra tra le nazioni). L’autore s’interrogò, manifestando non poca inquietudine e preoccupazione sugli effetti perversi della globalizzazione dei mercati, allora ai primordi, e sulla crescente divaricazione tra ricchi e poveri, affermando: «L’ineguaglianza tra le nazioni assumerà il ruolo della lotta di classe». Oggi, riflettendo sulle cause che determinano la mobilità umana dalla sponda africana, soprattutto in questa stagione pesantemente condizionata dalla pandemia di covid-19, la visione profetica di Aron sembra avverarsi. D’altronde è fisiologico che persone in crisi a casa propria, sia per guerre che per ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno