«La strada» di Gelsomina

L’aureola su quella «testa di carciofo»

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
30 luglio 2021
Di recente, nell’intervista a Dario E. Viganò, Papa Francesco è tornato a citare  La strada e ha fatto riferimento al «percorso di Gelsomina che con la sua umiltà, con il suo sguardo pienamente limpido, riesce ad ammorbidire il cuore duro di un uomo che aveva dimenticato come si piange».  In una lettura spirituale di questa opera il teologo domenicano Guy Bedouelle aveva inserito il film tra quelli dove si affronta «il mistero della santità» (L’invisible du cinéma, 2006). Spesso infatti si è portati a credere che il santo sia un essere che cerca la perfezione di se stesso. Uno che a prezzo di rinunce e di sacrifici riesce a vincere ogni tentazione e a tener lontano ogni peccato, un essere che controlla tutte le sue passioni e per questo può aspirare al ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno