È morto lo scrittore ed editore Roberto Calasso

Un Partenone fatto solo di parole

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
29 luglio 2021
Un testo di Roberto Calasso era quanto di più vicino vi fosse a un’opera d’arte figurativa. Leggevi l’attacco, qualche passaggio intermedio, andavi alla conclusione e pensavi «è un Calasso». Come si dice «è un Modigliani», «un Picabia», «un Watteau». Se ne sono accorti anche i francesi, che gli hanno tributato la Legion d’Onore nel 2008 ed il primo Chateaubriand non francofono della storia, per La folie Baudelaire, nel 2012. Se n’è andato il 28 luglio, mentre escono in libreria i suoi ultimi titoli: Bobi e Memé Scianca. Chissà quali sorprese ancora ci riserverà. Nato a Firenze il 30 maggio del 1941, in un arco temporale assai burrascoso del suo Paese, è stato studente illustre dell’illustre liceo Tasso di Roma e poi allievo di Mario ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno