Letture

Tutto ha un senso

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
28 luglio 2021
Sembra una cosa scontata iniziare la celebrazione eucaristica con il segno di croce. E se qualcuno vi dicesse che è così solo da qualche decina di anni? E se poi aggiungesse che, in realtà, il segno di croce non è all’inizio ma prima di esso ci sono vari altri elementi rituali che fanno parte della celebrazione? Da dove viene la scansione odierna degli elementi rituali che vanno dalla sagrestia alla colletta? Cosa è accaduto ai riti di ingresso — così si chiamano — nell’evoluzione del rito romano? Queste e altre domande pone il lavoro scientifico di Valentina Angelucci, liturgista, dottoranda al Pontificio Istituto Liturgico di Sant’Anselmo in Roma, una studiosa ancor giovane ma che già mostra dedizione e talento non comuni. La ricerca, pubblicata in lingua italiana dalla casa editrice ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno