Uno spettacolo musicale dedicato a Teresa d’Ávila

Inquieta e sempre in giro

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
24 luglio 2021
Nell’epoca del padre assente o cancellato, ma sempre presente come appello e nostalgia nel fondo dell’anima, Inquieta, spettacolo nato dalla collaborazione del maestro Roberto Martinelli con una monaca carmelitana scalza, Chiara Zacchi, tocca l’inquietudine del cuore umano che si risolve nell’instancabile ricerca del volto di Dio Padre. Ripercorrendo tutta la vita di Teresa d’Ávila, «la più santa tra le donne e la più donna tra le sante», letta nella chiave di una progressiva rivelazione della paternità di Dio attraverso l’umanità di Cristo, getta una luce tutta femminile sulla lotta interiore, in cui le dimensioni umane si intrecciano, sviluppandosi e arricchendosi vicendevolmente: emozioni, affetti, spirito e corpo, tutto confluisce nella preghiera, ingresso privilegiato nel meraviglioso ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno