La Chiesa di Scozia e la Chiesa episcopale scozzese verso una maggiore collaborazione

L’intesa di sant’Andrea

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
21 luglio 2021
«La Chiesa di Scozia e la Chiesa episcopale scozzese sono invitate a lavorare insieme, unite in uno scopo comune. Questo passo non è una fusione organizzativa, ma un’organica e creativa cooperazione all’opera della missione di amore e riconciliazione di Dio nel mondo»: così il reverendo canonico John McLuckie, della Chiesa episcopale — che appartiene alla Comunione anglicana — ha commentato la firma di una storica dichiarazione che apre le porte a una cooperazione più profonda e a un ministero più condiviso tra le due confessioni cristiane. Il testo, intitolato «La dichiarazione di sant’Andrea» — che delinea una serie di riconoscimenti e impegni tra le due Chiese — è il risultato di conversazioni che si sono svolte nell’ambito del Gruppo di lavoro «La nostra chiamata ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno