I racconti della domenica Mosè

La terza notte

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
17 luglio 2021
Il popolo stava per vivere una notte memorabile che l’avrebbe strappato definitivamente alla schiavitù. All’inizio del mese di Nisan, Dio parlò di nuovo a Mosè e Aronne: «Il dieci di questo mese ciascuno si procuri un agnello per famiglia. Il quattordici del mese lo immolerete e il quindici del mese lo mangerete in fretta con i fianchi cinti, i sandali ai piedi e i bastoni in mano. Avrete cura di mischiare il sangue del sacrificio della Pasqua al sangue della circoncisione per farne un segno sugli architravi e i due stipiti delle case dove abitate. Quando l’angelo della morte vedrà quel segno sulle vostre porte passerà oltre le vostre case e vi risparmierà». Si trattava dunque del passaggio di Dio. Per tradurre l’insistenza sulla liberazione, erano state impiegate quattro espressioni: ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno