L’allarme dell’Unicef per gli oltre 2,1 milioni di bambini colpiti dalla crisi umanitaria

La sofferenza silenziosa
del Niger

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
03 luglio 2021

Oltre 2,1 milioni di bambini sono colpiti dalla crisi umanitaria in Niger. Una triste realtà denunciata dall’Unicef in un rapporto “Soffrendo in silenzio” — lanciato ieri — in cui chiede una maggiore attenzione e mobilitazione per la situazione di questi piccoli e delle loro famiglie che «soffrono in silenzio». A causa di conflitti, sfollamenti, insicurezza alimentare, malnutrizione, ricorrenti epidemie e focolai di malattie, inondazioni cicliche e siccità, oltre 3,8 milioni di persone hanno bisogno di assistenza umanitaria, il 30% in più rispetto al 2020.

«Considerando il forte aumento del numero di persone colpite dalle multiple, prolungate e complesse emergenze in Niger, è una sfida per il governo e la comunità umanitaria rispondere a questi bisogni», ha dichiarato Marie-Pierre Poirier, direttore regionale dell’Unicef per l’Africa occidentale e centrale. Le violenze si stanno diffondendo a un ritmo accelerato nel Paese, generando una forte insicurezza. Gli attacchi ai confini con Burkina Faso, Mali e Nigeria hanno portato a sfollamenti significativi nel Paese e continuano a sconvolgere le vite di centinaia di migliaia di bambini, si legge nel comunicato. «Le vite dei bambini sono state distrutte. È difficile credere che i bambini debbano vivere nella paura costante di questi attacchi. Questa non dovrebbe essere la loro realtà», ha avvertito Poirier. «La protezione dei diritti dei bambini, inclusi quelli sfollati, è fondamentale, che sia il diritto a cibo, salute, istruzione, acqua, rifugio o il diritto di essere protetti dalle violenze».

Il comunicato enumera anche i dati generati dalle violenze. Alla fine di marzo 2021, in Niger c’era un totale di 313.000 sfollati interni, 235.000 rifugiati e 36.000 persone rientrate nel Paese. Preoccupano, in particolare, gli attacchi alle scuole. Negli ultimi mesi il numero di scuole costrette a chiudere per la mancanza di sicurezza nelle aree colpite da conflitti è aumentato da 312 a 377. «Le minacce all’istruzione stanno distruggendo le speranze e i sogni di un’intera generazione di bambini», ha dichiarato Poirier. Inoltre, ha aggiunto, l’aumento delle insicurezze e delle restrizioni ai movimenti imposte come conseguenza dal governo hanno ostacolato l’accesso umanitario per portare assistenza alle popolazioni in difficoltà e stremate dal conflitto.