Bombe colpiscono
un ospedale
nel nord della Siria

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
22 marzo 2021

Almeno cinque civili sono morti ieri sera in Siria a causa del bombardamento che ha colpito un ospedale nella città nord-occidentale di Atareb. L’attacco è avvenuto nonostante il cessate il fuoco in vigore da più di un anno nella regione. A denunciare il fatto è l’Osservatorio siriano per i diritti umani, voce dell’opposizione in esilio a Londra. Più di sei missili avrebbero colpito la struttura. Fra i morti vi sono un bambino e un membro dello staff medico, riferisce l’Osservatorio, parlando anche di undici feriti, alcuni dei quali in condizioni critiche.

A dieci anni dallo scoppio del conflitto, dunque, le violenze non sembrano attenuarsi in Siria. Secondo i media locali, pochi giorni fa l’aviazione turca ha condotto diversi raid aerei su una zona controllata dalle milizie curde nel nord della Siria, i primi da 17 mesi. «Un aereo da combattimento turco ha preso di mira delle postazioni militari delle Forze democratiche siriane (Fds, a guida curda) nel villaggio di Saida, nella periferia di Ain Issa» riferiscono le ong.