Lo storico incontro con Al-Sistani e la preghiera a Ur dei Caldei
aprono la seconda giornata del viaggio del Papa in Iraq

Odiare il fratello
è profanare il nome di Dio

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
06 marzo 2021

Lo storico incontro con il Grande ayatollah Al-Sistani, leader riconosciuto della comunità musulmana sciita, e la corale preghiera con i credenti di diverse religioni a Ur dei Caldei, terra sorgiva delle grandi fedi monoteistiche, hanno segnato la mattina di sabato 6 marzo, seconda giornata del viaggio del Papa in Iraq.

Due eventi che non hanno precedenti e che sono stati l’occasione per rilanciare il tema della fratellanza, una delle parole chiave del Pontificato di Francesco e uno dei fili conduttori di questo pellegrinaggio, che prosegue nel pomeriggio a Bagh-dad con la messa nella cattedrale caldea di San Giuseppe e vive i suoi momenti conclusivi domenica 7 con le soste a Erbil, Mosul e Qaraqosh, prima del rientro in Vaticano previsto nella tarda mattinata di lunedì 8.

Incontro interreligioso

Preghiera dei figli di Abramo

Incontro con i Vescovi, Sacerdoti, Religiosi/e, Seminaristi e Catechisti

Incontro con le Autorità, la Società civile e il Corpo Diplomatico