Porfirio era metropolita di Zagabria e Lubiana

Eletto il nuovo
patriarca di Serbia

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
19 febbraio 2021

«Axios!». Degno! Le campane della cattedrale di San Sava a Belgrado hanno suonato a distesa nel pomeriggio di ieri, 18 febbraio, per annunciare l’elezione del nuovo patriarca di Serbia: il metropolita di Zagabria e Lubiana (eparchia della Chiesa ortodossa serba in Croazia e Slovenia), Porfirio, 60 anni, prende il posto di Ireneo, morto il 20 novembre scorso dopo essersi ammalato di covid-19. Porfirio, al secolo Prvoslav Perić, quarantaseiesimo patriarca di Serbia, riceve il titolo di arcivescovo di Peć e metropolita di Belgrado e Karlovci. Nella mattina di oggi, 19 febbraio, si è svolta l’intronizzazione nella cattedrale di San Michele Arcangelo.

Nato il ​​22 luglio 1961 a Bečej, nella regione della Vojvodina, dopo il liceo a Novi Sad ha frequentato gli studi di archeologia presso la Facoltà di filosofia all’Università di Belgrado. Iscrittosi alla Facoltà di teologia della Chiesa ortodossa serba, si è laureato nel 1987. Nel frattempo, l’11 aprile 1986, il suo padre spirituale, l’attuale vescovo di Bačka, Ireneo (Bulović), lo aveva consacrato monaco. Nello stesso anno, il 23 giugno, il futuro patriarca Paolo lo elevò al grado di ierodiacono nel monastero della Santissima Trinità a Musutište. Ha quindi frequentato, trasferendosi ad Atene, gli studi post-laurea in teologia e conseguito il titolo di dottore in scienze. Ordinato ieromonaco il 21 novembre 1990, è divenuto abate del monastero dei Santi Arcangeli a Kovilj contribuendo alla rinascita non solo spirituale di quel luogo (su iniziativa di Porfirio sono nate delle comunità terapeutiche per la cura delle dipendenze). Successivamente è stato eletto vescovo di Jegar, nel 1999, e metropolita di Zagabria e Lubiana il 26 maggio 2014. È professore associato presso la Facoltà teologica ortodossa dell’Università di Belgrado; parla inglese, tedesco, russo e greco (profondamente legato a quella cultura e all’esperienza liturgica delle comunità del Monte Athos). Ha partecipato inoltre alla riorganizzazione della vita religiosa nell’esercito serbo ed è attivo nella raccolta di borse di studio a favore degli studenti meritevoli. Si è distinto infine, ricevendo riconoscimenti in patria, nella promozione del dialogo ecumenico e interreligioso.

In una lettera, scritta in greco, il patriarca ecumenico Bartolomeo, arcivescovo di Costantinopoli, si è congratulato con Porfirio augurandogli un mandato «lungo, illuminato e benedetto dallo Spirito santo», certo delle sue capacità umane e spirituali per assolvere il gravoso incarico. Il patriarca di Mosca, Cirillo, ha espresso (anche telefonicamente) le sue felicitazioni sottolineando che «nei tempi difficili che stiamo vivendo le nostre Chiese, come sempre, si sosterranno a vicenda e combatteranno insieme per la fede trasmessa ai santi». Anche il presidente del Pontificio Consiglio per la promozione dell’unità dei cristiani, cardinale Kurt Koch, ha scritto al nuovo patriarca esternando le sue più sentite speranze di «portare avanti la nostra collaborazione, già proficua con i precedenti patriarchi, e di cementare il nostro impegno a favore delle relazioni tra le nostre Chiese». L’auspicio è di «continuare a lavorare insieme in diversi campi della vita ecclesiale e culturale, consci che lo scopo ultimo del dialogo è la realizzazione del desiderio principale di Gesù Cristo, nostro Signore, ovvero la piena comunione di tutti i suoi discepoli».

di Giovanni Zavatta