Non garantita la sicurezza degli operatori

L’Ue sospende gli aiuti all’Etiopia

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
17 dicembre 2020

L’Unione europea ha sospeso l’erogazione di quasi 90 milioni di euro di aiuti all’Etiopia per la crisi nello Stato regionale del Tigray, a nord del Paese del Corno d’Africa. Le motivazioni sono principalmente legate a questioni riguardanti la sicurezza degli operatori umanitari.

La portavoce della Commissione europea, Ana Pisonero-Hernandez, ha detto alla Bbc che per sbloccare questo budget ci sono cinque condizioni da soddisfare: garantire il pieno accesso agli operatori umanitari in soccorso delle persone bisognose in tutte le aree colpite; consentire ai civili di cercare rifugio nei Paesi vicini; cessare le misure etnicamente mirate e l’incitamento all’odio; promuovere meccanismi per monitorare e indagare sulle accuse di violazioni dei diritti umani; ripristinare le linee di comunicazione e l’accesso dei media nel Tigray.

La portavoce ha specificato che la decisione «non influisce sui programmi umanitari dell’Ue sul campo o su altre azioni di sviluppo».

Intanto, tweet urgenti di Al Arabiya in arabo segnalano tensioni fra Khartum e Addis Abeba. «Il Sudan: rinforzi dell’esercito verso le frontiere con l’Etiopia dopo l'uccisione di diversi soldati. Abbiamo contatti con Addis Abeba per far cessare le aggressioni da parte di milizie e forze etiopiche», scrive l’'emittente panaraba. «Faremo fronte in maniera forte a qualsiasi tentativo militare di violare le nostre frontiere» sostengono fonti sudanesi.