Per condividere informazioni sul degrado

Patto europeo per il clima

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
16 dicembre 2020

Coinvolgere quante più organizzazioni e cittadini possibile nell’azione contro il degrado climatico nell’Unione europea. È l’obiettivo del Patto per il clima, una iniziativa annunciata dal vice presidente della Commissione europea, Frans Timmermans, che parte oggi.

Previsto nell’ambito del Green Deal europeo, il patto per il clima offre alle persone di ogni estrazione sociale uno spazio per comunicare e per sviluppare e attuare collettivamente soluzioni per il clima, grandi e piccole.

Si tratta di un’iniziativa aperta, inclusiva e in evoluzione incentrata sull'azione per il clima: invita le regioni, le comunità locali, l'industria, le scuole e la società civile a condividere informazioni sui cambiamenti climatici, sul degrado ambientale e sul modo in cui ciascuno possa affrontare al meglio queste minacce esistenziali.

Attraverso una piattaforma online e tramite il dialogo e gli scambi tra i cittadini, il patto promuoverà il collegamento tra la transizione digitale e quella verde. Il progetto vuole offrire «uno spazio per connettersi e sviluppare collettivamente soluzioni climatiche, grandi e piccole», spiega una nota dell’Esecutivo dell’Ue. Inoltre, servirà a condividere informazioni sui cambiamenti climatici e sul degrado ambientale e su come affrontare queste minacce esistenziali.

Centrale sarà la figura degli Ambasciatori per il clima, che si impegneranno nelle loro comunità di riferimento in azioni per il clima, con il sostegno dell’Unione europea.