Nuova stampante per la Tipografia vaticana

Innovazione
e sostenibilità ambientale

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
15 dicembre 2020

È giunta domenica scorsa, 13 dicembre, nella sede della Tipografia vaticana ed è in corso di installazione la nuova stampante digitale.

Le sue dimensioni sono notevoli: otto metri di lunghezza e quattro metri e mezzo di larghezza, con un’altezza di oltre due metri e mezzo. Il suo utilizzo permetterà di ridurre i consumi, nell’ottica del rispetto per l’ambiente e, grazie all’innovazione tecnologica, di stampare più facilmente prodotti a bassa tiratura, con una particolare attenzione alle nuove richieste del mercato editoriale. La differenza con le precedenti macchine è la modalità di stampa. Infatti, mentre prima si utilizzava il sistema “off-set” — cioè tramite lastre che venivano gettate dopo un solo utilizzo — adesso il metodo è digitale. Ciò permette di ridurre al minimo i prodotti di scarto, evitando i rifiuti, e di utilizzare inchiostri a base di acqua, con la conseguente eliminazione dell’uso di solventi chimici che prima dovevano essere smaltiti.

A differenza della stampa in “off-set”, la nuova macchina ha consumi inferiori e di conseguenza abbatte anche il costo di produzione, oltre che l’impatto ambientale.