Il Pontefice riceve i famigliari delle vittime della tragedia di un anno e mezzo fa a Corinaldo

Non ci sono aggettivi per la morte di un figlio

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
12 settembre 2020

Un’Ave Maria per Asia, Benedetta, Daniele, Emma, Mattia ed Eleonora


«Quando si perde un figlio, non c’è aggettivo. La perdita di un figlio è impossibile da “aggettivare”. Ho perso il figlio: cosa sono? No, non sono né orfano, né vedovo... E questo è il grande dolore vostro». Lo ha sottolineato il Papa — con un’aggiunta a braccio al discorso preparato — ricevendo in udienza i famigliari delle sei vittime della tragedia avvenuta presso la discoteca di Corinaldo, in provincia di Ancona, la notte dell’8 dicembre 2018. Al termine del toccante incontro — svoltosi stamane, sabato 12 settembre, nella Sala del Concistoro — il Pontefice ha chiesto ai presenti di recitare insieme un’«Ave Maria» per Asia, Benedetta, Daniele, Emma, Mattia ed Eleonora.

Il discorso del Papa