A quindici anni dalla morte di san Giovanni Paolo II

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg

01 aprile 2020

Sono passati quindici anni dalla morte di Karol Wojtyła. Restano indimenticabili i giorni che segnarono il passaggio alla casa del Padre di san Giovanni Paolo II, morto il 2 aprile 2005 dopo una lunga malattia vissuta con una esemplarità cristiana che attrasse non solo i credenti ma anche molte persone lontane dalla Chiesa. Dell’attualità di quell’insegnamento parla il cardinale Angelo Comastri nell’intervista che pubblichiamo oggi insieme alla testimonianza personale di un nostro collega. Lo stesso Papa Francesco, alla vigilia della ricorrenza anniversaria, ha ricordato la figura del predecessore, invitando in particolare i fedeli polacchi collegati in diretta streaming per l’udienza generale ad affidarsi alla sua intercessione «in questi giorni difficili».

Leggi anche:

Comastri: Giovanni Paolo II trasformò la sua croce in amore
di Alessandro Gisotti

Giovanni Paolo II ti scrivo
di Giampaolo Mattei