· Città del Vaticano ·

Cresce l’insicurezza
nel Niger
Uccisi diciotto civili

 Cresce l’insicurezza nel Niger Uccisi diciotto civili  QUO-044
23 febbraio 2022
Niamey , 23. Non si placano le violenze contro i civili nel Niger. Diciotto morti e decine di feriti è l’ultimo tragico bilancio di un duplice attacco sferrato nella regione occidentale di Tillabéri, al confine con il Mali. Si tratta della cosiddetta zona dei “tre confini” — tra Niger, Burkina Faso e Mali — teatro da anni di sanguinose azioni di gruppi jihadisti legati ad Al Qaeda e al sedicente Stato islamico (Is). Gli attacchi sono stati condotti, domenica scorsa, da uomini armati «provenienti dal Mali»; dapprima hanno assaltato il villaggio di Tizigorou, uccidendo almeno tre persone e poi hanno teso un agguato a un camion poco distante, assassinando diversi passeggeri. Il veicolo, dato poi alle fiamme, stava rientrando dalla capitale con merci e abitanti di almeno quattro villaggi. Lo hanno riferito ieri ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati