· Città del Vaticano ·

Con l’acume sagace della migliore tradizione yiddish

La psicologa del signor D

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
07 dicembre 2021
E lla, affermata psicologa, madre single di Lior, sedicenne con autismo, accetta di ricevere con urgenza l’angosciato e misterioso signor D e si trova davanti un omone incappottato, inquietante e sussiegoso, che pare uscito dal poster de Il padrino appeso alla parete del suo studio. Lo strano paziente ha difficoltà a parlare di sé e solo dopo le incalzanti pressioni della terapista afferma di avere «5576 anni la settimana prossima», di essere un artista famoso in tutti i campi, orfano dalla nascita, in preda a una atavica depressione. D conosce tutto di Ella, sa che è stata abbandonata dal padre di Lior, che è un’ebrea laica e femminista. Lui, «Oh Dio... Appunto!», è l’Onnipotente in persona e implora Ella di aiutarlo, in una sola ora di terapia, a guarire della sua rabbia ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati