· Città del Vaticano ·

Trattative tra governo e associazioni sindacali per far fronte alla crisi socio-economica

Rinviato lo sciopero generale in Libano

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
27 ottobre 2021
Beirut , 27. Scongiurato, almeno per il momento, lo sciopero generale indetto dai sindacati e dalle associazioni nazionali per protestare contro il carovita e il degenerare delle condizioni socio-economiche nel paese in default finanziario. A seguito del rincaro del prezzo del carburante, i trasportatori, i tassisti e gli autisti dei mezzi pubblici avevano deciso di bloccare il paese in quello che era stato definito dai media locali “il giorno della rabbia”. Le trattative in corso tra i rappresentanti delle diverse categorie e l’esecutivo ha evitato il blocco delle principali arterie di comunicazione del paese. La mobilitazione contro il carovita è cominciata oltre due anni fa quando il governo ha decretato ufficialmente il default. Il sistema bancario è fallito e la lira locale ha perso gran parte del suo valore rispetto ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno