· Città del Vaticano ·

Dopo la presa del potere dei talebani

Tensioni tra Afghanistan e Tajikistan

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
02 ottobre 2021
La sicurezza dell’Asia Centrale rischia di essere messa alla prova dalle nuove tensioni tra l’Afghanistan e il Tajikistan. Negli ultimi giorni truppe dell’esercito tagiko e milizie talebane sono state inviate al confine dai rispettivi governi a causa delle proteste da parte del presidente Rahmon per le mancate promesse dei talebani riguardo la formazione del governo. Il Tajikistan è l’unico Paese tra le ex repubbliche sovietiche dell’Asia Centrale che ha preso le distanze dai talebani dopo la loro presa del potere lo scorso agosto. La denuncia è stata fatta dal presidente del Tajikistan, Emomali Rahmon, nel suo intervento alle Nazioni Unite il 23 settembre scorso. In quella occasione, riporta l’agenzia Asianews, il presidente centroasiatico aveva sottolineato che il governo manca di una «amplia partecipazione di ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno