· Città del Vaticano ·

A Marsiglia visioni diverse anche tra “ambientalisti”

Un altro modo di guardare il mondo

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
20 settembre 2021
«I popoli indigeni devono essere al centro della conservazione della natura, dell’azione climatica e della protezione della biodiversità». È la richiesta scaturita dal convegno internazionale «Our Land, Our Nature», che ha chiuso i battenti venerdì 3 settembre, a Marsiglia, con un bilancio di oltre 3.000 partecipanti, tra presenza e online. Un contro-congresso organizzato da Survival International e da altre organizzazioni da sempre a fianco dei popoli indigeni per contrastare la tesi del World Conservation Congress dell’Iucn (International Union for Conservation of Nature), iniziato venerdì nella stessa città. La tesi contestata, sostenuta da leader mondiali, grandi dirigenti d’industria e alcune ong per la conservazione, è quella secondo cui è necessario ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno