· Città del Vaticano ·

A pagarla non possono essere i più poveri

Benvenuta transizione... purché giusta

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
20 settembre 2021
L’espressione «transizione ecologica» sembra avere fatto fortuna. Se ne parla in Europa e nel mondo. In Italia abbiamo anche un ministero ad essa dedicata. La sola parola riserva curiosità e attenzione, non più solo per gli addetti ai lavori in campo ambientale. L’enciclica sociale Laudato si’ non ne parla, ma la Chiesa italiana l’ha proposta come punto cardine in preparazione alla Settimana Sociale di Taranto. A poche settimane dall’evento, emerge chiaramente che la transizione è un percorso a tre tappe. La prima, che sta a fondamento, è la cura delle relazioni. Ogni vera novità scava nel profondo del cuore e rivede la qualità delle relazioni personali e comunitarie. Non appare strano che le ultime due encicliche sociali di Papa Francesco, Laudato si’ e Fratelli tutti, mettano al ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno