L’avventura della fede

La “madre buona” della Terra del Fuoco

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
15 settembre 2021
Il primo fu Giovanni Cagliero. Arrivò nel 1875 divenendo di fatto l’apripista dei salesiani nelle terre estreme del sud dell’Argentina e del Cile. Due anni dopo lo seguirono le Figlie di Maria Ausiliatrice, sei ragazze dalla forte tempra guidate da suor Angela Vallese. Dopo altri due anni, nel 1879, il sogno di don Bosco per le terre patagoniche iniziò a trasformarsi in realtà, con la costruzione del primo nucleo della missione di Carmen de Patagones, destinata a uno sviluppo straordinario, seppur nata in una terra di grandi disagi. Dopo Carmen arrivarono le missioni di Viedma, Bahía Blanca, Junín de los Andes, Chos Malal, Río Gallegos, Stefenelli, Bernal, Fortín Mercedes, Luis Beltrán, General Roca a testimoniare una perseveranza e un’energia che negli anni avrebbero caratterizzato ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno