La denuncia dell’Oms

«Vaccini, ai Paesi poveri

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
09 settembre 2021
Ginevra, 9. «Non vogliamo più promesse, vogliamo i vaccini». Il direttore generale dell’Organizzazione mondiale della Sanità (Oms) Adhanom Ghebreyesus, in conferenza stampa ieri dalla sede di Ginevra, ha puntato il dito contro i Paesi ricchi che, ha affermato, dovrebbero smettere con annunci di donazioni che poi non vengono onorati. «Del miliardo di dosi promesse — ha detto Ghebreyesus — ne sono arrivate solo il 15%». Nei Paesi poveri, è la constatazione, meno del 10% delle persone sono state vaccinate. Questo mentre i Paesi più avanzati programmano, 0 somministrano, la terza dose di vaccino. «Non resterò in silenzio — ha detto il direttore generale dell’Oms — davanti alle imprese farmaceutiche e ai Paesi che controllano gli approvvigionamenti mondiali, convinti che i ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno