Perché non siamo capaci di grandi cose

04 settembre 2021
Pubblichiamo l’omelia tenuta dal cardinale vicario il 30 agosto scorso, in occasione del pellegrinaggio diocesano a Fátima. In questo terzo giorno di pellegrinaggio ci ritroviamo sotto la croce di Gesù, invocando Maria come madre e maestra della vita spirituale. Ormai questo santuario ci è diventato familiare, è entrato nella “geografia della salvezza” delle nostre vite. Fátima è il punto di ri-partenza che Dio ha scelto per noi quest’anno, in questi tempi così difficili. Nel libro dei Proverbi si dà voce alla Sapienza che dice: «Io amo coloro che mi amano e quelli che mi cercano mi troveranno». Siamo venuti qui cercando Dio e, attraverso Maria, lo stiamo ritrovando. A lui abbiamo portato le nostre croci, le nostre prove. E lui ci viene incontro con la sapienza della ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno