· Città del Vaticano ·

Gli indios brasiliani in marcia per difendere le proprie terre

26 agosto 2021
Brasília , 26. Circa 6.000 persone di 173 gruppi etnici di tutto il Brasile hanno marciato ieri davanti alla Corte Federale Suprema riunitasi per stabilire la costituzionalità della norma chiamata «marco temporal». Secondo la legge, i popoli indigeni che non possono provare che al 5 ottobre 1988 (giorno in cui fu promulgata la Costituzione brasiliana) abitavano fisicamente sulle loro terre, non potranno vantare più alcun diritto su di esse, permettendo così al settore dell’agrobusiness di appropriarsi di aree appartenenti ai popoli originari. Territori che gli indigeni considerano più di una semplice terra. Come affermato da Pi Surui, 23enne proveniente dallo Stato di Rondonia e presente a Brasília da lunedì scorso, «il territorio indigeno è sacro, la nostra ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno