· Città del Vaticano ·

Un segno particolare

Il bambino con il mantello

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
24 agosto 2021
Michele D’Ignazio nasce nell’anno che dà il titolo a un famoso romanzo orwelliano. Oggi ripercorre la sua vita ne Il mio segno particolare (Milano, Rizzoli, 2021, pagine 240, euro 16), il libro tramite cui, a grandi e soprattutto a piccini, narra una fiaba che poi sì, è una storia vera. «Appena uscito dalla pancia di mia madre, il ginecologo e l’ostetrica mi hanno guardato con uno sguardo un po’… sorpreso», scrive l’autore nelle pagine iniziali, scoprendo subito le carte in tavola. «Quando sono nato la mia pelle era per metà nera e per metà bianca». Un modo come un altro, quest’ultimo, per spiegare d’essere venuto al mondo con una specie di «mantello gigante». Ma il mantello, per la medicina, non è un semplice «superpotere» così come, da ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno