A colloquio con Laura Sicignano, direttore dello Stabile di Catania

Un murale (e tanto teatro) per celebrare la vita

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
17 agosto 2021
di Silvia Guidi «Potrei far recitare anche le pietre se volessi» era solito ripetere il drammaturgo, attore e regista siciliano Franco Scaldati, una frase che suonerebbe pretenziosa se non fosse la descrizione di un preciso metodo di lavoro. E se non fosse concretamente, esperienzialmente vera. A Catania succede davvero, le pietre parlano da sole, o meglio, trovano sempre qualcuno che è disposto a prestare loro la voce, le note di una canzone — come nel caso di Franco Battiato, recentemente scomparso, o di Carmen Consoli — la tessitura di gesti e parole antiche e modernissime, come nel teatro dei pupi (dall’alto di un ponte dietro i fondali, ‘u scannappoggiu, in piedi su una tavola di legno sospesa a un metro da terra, ‘a faddacca) o nel caso degli spettacoli messi in scena da attori in carne, ossa, voce, memoria e ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno