L’Ue e i timori dell’ondata migratoria

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
17 agosto 2021
«Molte persone cercheranno di lasciare l’Afghanistan e dobbiamo fare di tutto per aiutare i Paesi confinanti a sostenere i rifugiati». Così si è espresso ieri il cancelliere tedesco Angela Merkel, in relazione alla presa del potere dei talebani. L’indicazione è chiara: fare di tutto per aiutare gli Stati vicini a sostenere i civili in fuga, e limitare gli arrivi in Europa. Pakistan e Iran ne hanno già accolti rispettivamente 3,5 e 3 milioni. Solo dieci giorni fa i ministri dell’Interno di Germania, Austria, Paesi Bassi, Danimarca, Belgio e Grecia, in una lettera indirizzata alla Commissione Ue, pur riconoscendo la «delicata situazione alla luce del ritiro delle truppe internazionali» avevano chiesto di andare avanti con i rimpatri. Decisione poi invertita alla luce del precipitare della ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno