Perché e come il Progetto Manhattan ha trasformato gli equilibri geopolitici del mondo

La bomba, una svolta tragica

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
06 agosto 2021
Il 6 agosto 1945, il lancio dell’ordigno nucleare noto come “Little Boy” sulla città giapponese di Hiroshima segnava uno dei capitoli più importanti e tragici della storia contemporanea, impattando definitivamente sull’andamento della seconda guerra mondiale nell’immediato e sul sistema delle relazioni internazionali per i decenni a venire. L’utilizzo di quella che era stata definita dall’amministrazione statunitense come “l’arma risolutiva” causò la morte di oltre 100.000 persone, costringendo l’imperatore nipponico Hiro Hito a radunare il Supremo consiglio imperiale di guerra per porre fine al conflitto. Anche i militari più intransigenti, infatti, si resero conto che la loro volontà di combattere fino all’ultimo uomo perdeva di senso di fronte a una simile devastazione. La resa dell’impero, ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno