I dossier fondamentali sul tavolo dei leader

06 agosto 2021
«Riaffermiamo il principio secondo cui una guerra nucleare non può essere vinta e non deve essere mai combattuta». Con questo comune intento si è concluso a Ginevra, lo scorso giugno, l’incontro tra il presidente Usa, Joe Biden, e il presidente russo, Vladimir Putin. È stata l’ultima fase di un dialogo difficile, quello tra i due maggiori Paesi in possesso di armi nucleari nel mondo, che negli ultimi anni ha conosciuto stalli profondi e riprese. Lo scorso febbraio, al termine di lunghe trattative, è entrato in vigore la proroga per cinque anni del New Start, l’accordo tra Russia e Stati Uniti che limita gli armamenti nucleari strategici fissando un tetto di 1.550 testate e 700 missili e bombardieri dispiegati per ciascuno dei due Stati. Il New Strategic Arms Reduction Treaty — siglato a Praga nel ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno