A centocinquant’anni dalla nascita di don Brizio Casciola

Un antesignano del movimento ecumenico

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
05 agosto 2021
Centocinquant’anni fa (il 31 luglio 1871) nasceva a Montefalco, in provincia di Perugia, Brizio Casciola, anima capace, come poche altre, di trasmettere a coloro che ebbero la grazia d’incontrarlo, quel fuoco che il Maestro divino vorrebbe fosse già acceso (Luca 12, 49). Avviato agli studi ecclesiastici presso il seminario di Spoleto, completò poi la sua formazione a Roma, all’Apollinare, ricevendo infine l’ordinazione sacerdotale il 19 maggio 1894. Erano, quelli, anni d’intenso fervore, in cui l’enciclica Providentissimus Deus di Leone xiii (1893) sembrò dare nuovo slancio agli studi biblici accendendo speranze in molti giovani avviati alla ricerca, mentre nuove forme di apostolato riunivano in cenacoli spirituali persone di diversa estrazione e provenienza sia religiosa che culturale. Anni nei quali il giovane ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno