I vescovi della Repubblica Democratica del Congo sui recenti attacchi alla Chiesa nel Paese

Offesa alla religione e al popolo

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
03 agosto 2021
Kinshasa, 3 . Atti riprovevoli e crimini odiosi che costituiscono «un grave attacco alla libertà di religione e di espressione, ma anche una violazione della democrazia; un grande passo indietro nel cammino verso lo stato di diritto a cui aspira il popolo congolese». I vescovi della Repubblica Democratica del Congo esprimono tutta la loro indignazione per gli attacchi di cui è stata fatta oggetto in questi ultimi mesi la Chiesa nel Paese. In particolare, riferendosi all’episodio di domenica scorsa, quando la residenza del cardinale arcivescovo di Kinshasa, Fridolin Ambongo Besungu, è stata presa di mira da un gruppo di giovani non identificati che hanno compiuto atti vandalici con slogan ingiuriosi contro il porporato, oggetto il giorno precedente di accuse offensive da parte del segretario generale ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno