· Città del Vaticano ·

In rete

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
28 luglio 2021

Il santuario di Sant’Anna a Vinadio


Tre giorni di iniziative e momenti di preghiera per celebrare la prima Giornata mondiale dei nonni e degli anziani. Il santuario di Sant’Anna a Vinadio, nella diocesi di Cuneo, dal 24 al 26 luglio ha festeggiato così anche la festa patronale dei santi Anna e Gioacchino. Una celebrazione eucaristica è stata presieduta dal vescovo di Cuneo e di Fossano, Piero Delbosco. Una fiaccolata ha raggiunto la cappella della Madonna della neve, mentre una catechesi dedicata ai genitori e gli anziani nella Bibbia ha aperto gli eventi trasmessi sul sito internet del santuario www.santuariosantanna.eu. Appoggiato sulle Alpi, viene indicato come il santuario più alto d’Europa. «Attorno all’anno 1000 venne costruita la prima cappella Santa Maria di Brasca dedicata alla Vergine Maria fino al 1450 quando venne dedicata a sant’Anna» si legge sul sito. «La testimonianza più antica conservata nel santuario è il quadro di sant’Anna. Reca la data 1686 e la firma di Michelangelo Ceruto, romano». Un pellegrinaggio a piedi da Pratolungo è percorribile con 4 ore di cammino. Tra le preghiere raccolte sul sito le «Litanie a Sant’Anna», le «Beatitudini del pellegrino» e la «Preghiera dei nonni per i nipoti» affinché «la nostra età avanzata sia un libro aperto di sapienza, per scoprire che quel Gesù nel quale abbiamo cercato di credere possa diventare novità, forza e respiro di vita anche per loro».

a cura di Fabio Bolzetta