Il dramma dei migranti sulla rotta balcanica

Pezzi di umanità ai confini d’Europa

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
26 luglio 2021
Nel mondo una persona su 97 è in fuga da una patria che si rivela matrigna, ma, fortunatamente, non tutte le persone devono affrontare quel “gioco” pericoloso (come lo chiamano in gergo) ai confini degli Stati dell’Est europeo. Come sappiamo, gli equilibri fra Europa e zona balcanica sono sempre molto labili, soprattutto a causa di quella pressione migratoria, mai davvero risolta, che, spesso, ha premuto sull’Ovest per farsi fino alle porte di Trieste, dopo estenuanti viaggi dal Medio Oriente. La rotta verso l’Europa, conosciuta come “rotta balcanica”, dopo il picco del 2015-16, è tornata al centro dell’attenzione internazionale nei primi mesi di quest’anno, anche se da un po’ di settimane giungono (inascoltate) nuove notizie di respingimenti ai confini europei. È opportuno ricordare che l’assetto di questa rotta ha ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno