· Città del Vaticano ·

Accordo parziale al g 20 sul clima

24 luglio 2021
Un problema di “wording”, di scelta delle parole. Come previsto lo scoglio sulla rotta del vertice sul clima di Napoli, il g 20, è stata la parola «decarbonizzazione». D’accordo su tutto, dal riciclo al recupero della biodiversità erosa, fino alla necessità di strutture sanitarie accessibili, i rappresentanti delle maggiori venti economie del mondo, hanno il problema di conciliare la crescita economica — che richiede tantissima energia — con l’accelerata del mutamento climatico. Ovviamente chi ha più bisogno di energia è più riluttante a tagliarsi l’accesso alle fonti fossili nel giro di pochi anni. Così la carta di Napoli, il documento finale che mirava ad un accordo vincolante su 60 punti-bussola, si è fermata a 58. Manca l’accordo sui modi ed i tempi per la ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno