· Città del Vaticano ·

Nell’ultimo libro di Borgna

La nostra comune solitudine

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
23 luglio 2021
Con In dialogo con la solitudine (Torino, Einaudi, 2021, pagine 120, euro 12) Eugenio Borgna ci accompagna in un viaggio da lui stesso definito rapsodico, una riflessione, forse una scoperta di cos’è la solitudine, di quanto valore semantico può avere questa parola perché «le parole sono creature viventi». Una sua declinazione può essere spesso foriera di immersione profonda e salutare nella nostra interiorità. La solitudine è subito distinta dall’isolamento, volontario o patito, ma comunque altra cosa, perché la solitudine è compagna dell’apertura a sé e agli altri, l’isolamento implica sempre una netta chiusura in se stessi. Nel suo pacato e denso discorrere Borgna tocca la solitudine degli immigrati, di noi tutti al tempo del coronavirus, degli adolescenti, dei ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno