· Città del Vaticano ·

Quasi 135 milioni di agricoltori a rischio povertà entro la metà del secolo

La lunga marcia del deserto

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
23 luglio 2021
Tre miliardi di persone, su una popolazione totale che supera i sette miliardi e mezzo di abitanti, vivono in zone aride diffuse in tutto il Pianeta. Queste ultime ricoprono il quarantasei per cento delle terre emerse e rischiano di degradarsi a causa della desertificazione, la trasformazione in deserto di zone aride o semiaride ancora sede di attività agricola o pastorale. Questo processo è facilitato da eventi naturali, come la siccità ma anche dallo sfruttamento incontrollato da parte dell’uomo. L’avanzata della desertificazione ed il degrado del suolo potrebbero portare, entro la metà del secolo, ad una riduzione di almeno il dieci per cento dei raccolti a livello mondiale, al rialzo del trenta per cento dei prezzi del cibo ed alla povertà per 135 milioni di agricoltori. I movimenti migratori che ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno