· Città del Vaticano ·

Angola, lo spettro della carestia su milioni di persone

23 luglio 2021
Milioni di persone nel sud dell’Angola sono sull’orlo della fame, stretti tra gli effetti devastanti della siccità aggravata dal cambiamento climatico. A lanciare l’allarme è Amnesty International, evidenziando come la creazione di allevamenti commerciali di bestiame sui terreni delle comunità abbia allontanato i pastori dalle loro terre dalla fine della guerra civile nel 2002. Il cambiamento nella destinazione delle terre ha lasciato grandi fasce della popolazione in condizioni di insicurezza alimentare nel sud, spianando la strada alla crisi umanitaria, mentre la siccità acuta persiste da oltre tre anni. La fame ha spinto migliaia di persone ad attraversare il confine con la Namibia dallo scorso marzo. La situazione è particolarmente grave nelle province di Cunene e Huíla e si teme possa ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno