· Città del Vaticano ·

Un’odissea lunga dieci anni

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
20 luglio 2021
Il Corno d’Africa è il contesto geopolitico nel quale si gioca la partita fra l’Etiopia, l’Egitto e gli altri Paesi attraversati dal Nilo Azzurro, per la riuscita o meno di un progetto ingegneristico tanto audace quanto difficoltoso ai fini della conservazione degli equilibri politici locali e regionali: la Grand Ethiopian Renaissance Dam (Gerd) è un ambizioso programma strategico, la cui costruzione è stata avviata dieci anni fa, che darebbe all’Etiopia l’indipendenza energetica, peraltro di tipo ecosostenibile, consentendole anche di esportare energia agli altri Stati della regione. Proprio recentemente si sono riaccese le tensioni per la gestione della controversa diga sul Nilo Azzurro, dopo che Addis Abeba ha annunciato la decisione di avviare unilateralmente la seconda fase di riempimento del bacino della Gerd, ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno