· Città del Vaticano ·

Un riferimento prezioso per Giorgio La Pira

Seguendo la stella polare

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
19 luglio 2021
Uscito a Chicago nel 1951, L’uomo e lo Stato è la maggior opera politica di Maritain e un classico del pensiero politico del Novecento, espressione di una filosofia personalista, comunitaria, pluralista. Il volume è uno sviluppo di due testi del 1942: Cristianesimo e democrazia e I diritti dell’uomo e la legge naturale; nello sfondo stanno Umanesimo integrale e Primato dello spirituale. Nel frattempo è uscito La persona e il bene comune (1946). Intenti primari del volume si ravvisano nel fondare una filosofia della democrazia e dei diritti e doveri, e nell’avanzare una critica senza sconti del concetto di sovranità elaborato nell’epoca moderna. Questo, riconoscendo lo Stato come superiorem non recognoscens, rendeva inevitabili gli scontri e la lotta a morte tra le sovranità nazionali, come la storia ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno