· Città del Vaticano ·

Relegate alla marginalità nella storia dell’editoria

La battaglia delle donne tipografo

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
16 luglio 2021
La storia del libro a stampa passa anche attraverso una galleria di profili di donne tipografo, benché sia necessario registrare che queste figure avrebbero potuto essere molte di più se una censura secolare verso il femminile non le avesse relegate a una marginalità che molto spesso non ne ha conservato non solo il volto ma neanche il nome. Eppure la più celebre officina tipografica di Anversa, quella di Christophe Plantin (1520-1589) alla sua morte fu portata avanti proprio dalla moglie Jehanne Rivière che continuò l’attività di editrice trasferendola alle sue cinque figlie che andarono in moglie a collaboratori dell‘a stessa’azienda. In questo modo il laboratorio di Anversa attraverso il matrimonio della figlia Martina con Jan Moretus poté continuare a stampare libri sempre con ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno