· Città del Vaticano ·

Atrocità in Mozambico

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
10 aprile 2021

Sempre più drammatica la situazione nel nord del Mozambico. I corpi decapitati di 12 persone, con le mani legate dietro la schiena, sono stati rinvenuti nella città di Palma. Lo riferiscono i media locali, citando fonti dell’esercito. La città — appena riconquistata dalle forze governative — è stata teatro lo scorso 24 marzo di una cruenta offensiva jihadista conclusasi dopo più di una settimana di combattimenti.

La macabra scoperta è stata fatta sotto un albero a poca distanza dall’Hotel Amarula, preso d’assalto dai jihadisti che per giorni vi hanno tenuto in ostaggio più di 180 persone, fra i quali diversi occidentali. Le autorità sono al lavoro per cercare di identificare i corpi trovati in avanzato stato di decomposizione. La maggior parte delle persone che si erano rifugiate nell’albergo — compresi alcuni dipendenti della compagnia petrolifera francese Total — sono poi riuscite a lasciare la città. Migliaia di persone risultano però ancora disperse.