L’udienza generale

Un respiro di grazia
che ci accomuna ai santi

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
07 aprile 2021

«Il nome che ci è stato dato nel Battesimo non è un’etichetta o una decorazione». Al contrario, è normalmente quello «di un santo o di una santa, i quali non aspettano altro che di “darci una mano” nella vita». Lo ha sottolineato il Papa all’udienza generale di stamattina, mercoledì 7, soffermandosi sul tema «Pregare in comunione con i santi» nell’ambito del ciclo di catechesi dedicate all’orazione. Parlando ancora una volta nella Biblioteca del Palazzo apostolico, senza la presenza dei fedeli a causa del covid-19, a quanti lo seguivano attraverso i media il Pontefice ha anche ricordato la Giornata internazionale dello sport per lo sviluppo e la pace, celebrata ieri per iniziativa delle Nazioni Unite. «Auspico che possa favorire il dialogo solidale tra culture e popoli diversi» ha detto, incoraggiando in particolare la “sua” squadra podistica Athletica Vaticana «a diffondere la cultura della fraternità».

L'udienza generale