· Città del Vaticano ·

Sono il segretario generale dell’Onu e la madre di una vittima del terrorismo

I vincitori
del Premio Zayed 2021

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
03 febbraio 2021

Sono il nono segretario generale delle Nazioni unite, il portoghese António Guterres, e Latifah Ibn Ziaten, fondatrice dell’Associazione Imad per i giovani e la pace, i vincitori del Premio Zayed per la Fratellanza umana 2021. Tra le motivazioni che hanno portato all’assegnazione del riconoscimento, vi sono per il primo i ripetuti appelli — durante quest’anno in cui il mondo intero è stato travolto dalla pandemia del coronavirus — a un «cessate il fuoco globale, per concentrarsi insieme sulla vera battaglia: sconfiggere il covid-19»; e per la donna — una madre franco-marocchina che ha perso il figlio a Tolosa nel 2012 a causa del terrorismo — l’aver saputo trasformare il proprio dolore in un’attività di prossimità verso i giovani, nella speranza di dissuaderne il più possibile dal commettere atrocità che causano la morte di altre persone.

I nomi sono stati resi noti mercoledì 3 febbraio attraverso una conferenza stampa virtuale, dopo essere stati selezionati da una giuria indipendente composta da persone provenienti da 30 Paesi.

Ispirato dal Documento sulla Fratellanza umana, il Premio Zayed — che intende fare memoria del fondatore degli Emirati Arabi Uniti — nel 2019 era stato assegnato ad Abu Dhabi direttamente ai due firmatari Papa Francesco e il Grande imam di Al-Azhar, e dal 2020 si è deciso di renderlo annuale.