· Città del Vaticano ·

All’udienza generale il Pontefice inaugura un nuovo ciclo di catechesi sull’attualità della pandemia

Serve uno spirito creativo per guarire il mondo

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
05 agosto 2020

Serve «un nuovo incontro col Vangelo della fede, della speranza e dell’amore» che «invita ad assumere uno spirito creativo» per «trasformare le radici delle nostre infermità fisiche, spirituali e sociali». Con questo auspicio Papa Francesco ha inaugurato stamane — mercoledì 5 agosto — un nuovo ciclo di catechesi sul tema «Guarire il mondo». Riprendendo le udienze generali, dopo la pausa estiva del mese di luglio, il Pontefice si è voluto soffermare sull’attualità della pandemia da covid-19, accantonando momentaneamente le precedenti riflessioni dedicate alla preghiera.

E proprio nel rispetto delle misure volte a contenere la diffusione del contagio, il Papa ha continuato a tenere l’udienza generale nella Biblioteca privata del Palazzo apostolico vaticano, senza la presenza di fedeli. Nel farlo ha commentato il brano evangelico tratto da Marco 2, 1-5.10-11, calandolo nella realtà odierna in cui il coronavirus causa «ferite profonde, smascherando le nostre vulnerabilità. Molti — ha osservato in proposito — sono i defunti, moltissimi i malati, in tutti i continenti. Tante persone e tante famiglie vivono un tempo di incertezza, a causa dei problemi socio-economici, che colpiscono specialmente i più poveri».

Ecco allora la necessità di domandarsi «in che modo possiamo aiutare a guarire il nostro mondo, oggi»; come «guarire in profondità le strutture ingiuste e le pratiche distruttive che ci separano gli uni dagli altri, minacciando la famiglia umana e il nostro pianeta».

Anche perché, ha assicurato Francesco, le risposte ci sono: «Il ministero di Gesù offre molti esempi di guarigione», ha detto citandone alcuni; e la Chiesa — ha aggiunto — «ha sviluppato alcuni principi sociali... che possono aiutarci». Perciò — ha concluso — «nelle prossime settimane, vi invito ad affrontare insieme le questioni pressanti che la pandemia ha messo in rilievo... E lo faremo alla luce del Vangelo, delle virtù teologali e della dottrina sociale», esplorando «come la nostra tradizione sociale cattolica può aiutare la famiglia umana».

L'udienza generale