Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Zero gas serra
entro il 2050

· Formalizzato l’impegno di 66 paesi ·

La lotta ai cambiamenti climatici riparte dall’Onu. Sono 66 i paesi che si sono impegnati a ridurre le loro emissioni di gas serra, fino ad azzerarle, entro il 2050. Lo ha annunciato il segretario generale delle Nazioni Unite, António Guterres, a conclusione, ieri sera, del summit sul clima a New York, che ha preceduto i lavori dell’Assemblea generale dell’Onu. «C’è ancora molta strada da fare, ma qualcosa sta cambiando», ha dichiarato. Tra i 66 Paesi non figurano, però, Cina, Stati Uniti, India, Russia e Giappone, ovvero i maggiori inquinatori. Secondo l’organizzazione meteorologica mondiale (Omm), i dati sul 2014-2019 dimostrano che sono stati i cinque anni più caldi mai registrati, con un più 0,2 gradi rispetto al 2011-2015, mentre la temperatura media globale è aumentata di 1,1 gradi dal periodo preindustriale. In questo periodo c’è stato un drastico aumento di crescita dei gas serra.

Tra gli altri impegni, Guterres ha citato l’International Development Finance Club, che ha annunciato la mobilitazione di mille miliardi di dollari in finanziamenti per l’energia pulita entro il 2025 in venti paesi meno sviluppati. Inoltre, 130 banche (un terzo del settore bancario globale) hanno aderito ad allineare le proprie attività agli obiettivi dell’accordo di Parigi e agli obiettivi di sviluppo sostenibile. Secondo gli esperti dell’Onu, probabilmente bisognerà almeno triplicare gli sforzi sulla riduzione delle emissioni per rispettare gli obiettivi dell’accordo di Parigi. «Dobbiamo assolutamente garantire l’attuazione dell’impegno da parte dei paesi sviluppati di mobilitare cento miliardi di dollari all’anno da fonti pubbliche e private entro il 2020 — ha detto ancora il segretario generale delle Nazioni Unite — per adeguamento e contenimento nei paesi in via di sviluppo».

Nel suo intervento, la giovane attivista svedese, Greta Thunberg, ha denunciato che gli impegni annunciati non sono adeguati. «Avete rubato i miei sogni e la mia infanzia con le vostre parole vuote», ha dichiarato la sedicenne.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

05 dicembre 2019

NOTIZIE CORRELATE