Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Washington critica la politica monetaria cinese

· Nell’ultimo rapporto del Tesoro sui tassi di cambio ·

Nuovi attriti tra Stati Uniti e Cina sul fronte monetario. Il Tesoro americano continuerà a «monitorare da vicino» la velocità di apprezzamento dello yuan, la moneta cinese. «È nell’interesse della Cina consentire al proprio tasso di cambio di apprezzarsi maggiormente sia rispetto al dollaro sia rispetto alle altre valute» si legge nel rapporto semestrale del Tesoro. Il rapporto doveva essere presentato il 15 aprile, ma il Tesoro aveva deciso di rimandarlo a dopo le riunioni del Fondo monetario internazionale (Fmi) e della Banca mondiale. Il Tesoro spesso posticipa la pubblicazione: nell’occasione precedente doveva essere presentato il 15 ottobre ed è poi stato pubblicato il 27 dicembre.

Washington invita Pechino a continuare l’apprezzamento della propria moneta. Il Tesoro ha inoltre sottolineato che il Giappone, cui era stato chiesto di operare in modo tale da rivalutare lo yen, non ha fatto grandi sforzi in tale direzione.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

15 dicembre 2019

NOTIZIE CORRELATE