Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Washington chiede a Pechino di fare pressione sulla Corea del Nord

· Il segretario di Stato americano incontra a Monaco il ministro degli Esteri cinese ·

Gli Stati Uniti hanno chiesto alla Cina di usare la propria influenza sul regime comunista di Pyongyang per aumentare la pressione della comunità internazionale sulla Corea del Nord. Il segretario di Stato americano, John Kerry, ha incontrato ieri sera — a margine della conferenza sulla sicurezza di Monaco — il ministro degli Esteri cinese, Wang Yi, con cui ha discusso delle gravi violazioni del diritto internazionale da parte della Corea del Nord, nonché di altre questioni globali e della prossima visita di Wang a Washington. Lo ha riferito il dipartimento di Stato americano.

Il segretario di Stato Kerry con il ministro Wang Yi (Ap)

Kerry sempre ieri a Monaco ha incontrato anche il suo collega sudcoreano e ha discusso con lui delle violazioni delle risoluzioni del Consiglio di sicurezza dell’Onu da parte della Corea del Nord e della necessità di continuare lo stretto coordinamento tra i due Paesi. Il segretario di Stato americano ha riaffermato il fermo impegno a difendere la Corea del Sud e il Giappone e ha sottolineato la vitale importanza di proseguire la comunicazione e la cooperazione fra i tre Paesi.

A riprova dell’impegno di Washington nei confronti dell’alleato sudcoreano, gli Stati Uniti hanno rafforzato temporaneamente la presenza di missili patriot in Corea del Sud in risposta al recente test nucleare e al lancio di un missile da parte della Corea del Nord, a pochi giorni da una serie di incontri volti a mettere a punto un sistema missilistico statunitense ancora più sofisticato, secondo modalità che non hanno mancato di suscitare la preoccupazione di Russia e Cina.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

14 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE