Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Voglio ascoltare i giovani senza filtri

· In Cile il Papa parla del prossimo sinodo dei vescovi ·

E di fronte ai popoli indigeni condanna la logica della superiorità culturale

Il Papa e la Chiesa vogliono ascoltare i giovani, che saranno i protagonisti dell’assemblea sinodale in programma nel prossimo ottobre. Per questo Francesco ha invitato le nuove generazioni del Cile — con le quali si è incontrato mercoledì 17 gennaio nel santuario di Maipú a Santiago — a far sentire la loro voce «senza filtri», parlando «con coraggio» e aiutando i vescovi a lasciarsi interpellare e scuotere dalle loro domande.

Proprio le attese e le speranze dei giovani saranno al centro dell’incontro pre-sinodale convocato dal Pontefice il prossimo marzo a Roma. Un momento importante di verifica e di confronto, in vista del quale Francesco ha raccomandato ai ragazzi cileni di non far venir meno il loro contributo di idee e di proposte. «La Chiesa — ha assicurato — ha bisogno che voi diventiate maggiorenni, spiritualmente maggiorenni, e abbiate il coraggio di dirci: “Questo mi piace; questa strada mi sembra sia quella da fare; questo non va bene”».

La giornata del Papa — che giovedì 18 lascia il Cile alla volta del Perú — si è aperta con un nuovo appello a costruire l’unità tra i popoli rifiutando la logica della divisione e dello scontro. Un appello risuonato con particolare forza dinanzi ai rappresentanti dei popoli indigeni che hanno partecipato alla messa celebrata in mattinata a Temuco. «Abbiamo bisogno della ricchezza che ogni popolo può offrire, e dobbiamo lasciare da parte la logica di credere che ci siano culture superiori e culture inferiori» ha scandito il Pontefice. E «una cultura del mutuo riconoscimento — ha ammonito — non si può costruire sulla base della violenza e della distruzione che alla fine chiedono il prezzo di vite umane».

Nel pomeriggio, dopo aver incontrato i giovani, Francesco ha fatto visita all’università cattolica del Cile, rivolgendo alla comunità accademica un discorso centrato sulla duplice missione di educare alla convivenza e di «progredire in comunità». Missione che richiede una vera e propria opera di «alfabetizzazione» basata sull’integrazione dei diversi linguaggi, in modo da favorire una reale armonia tra «l’intelletto, gli affetti e l’azione, ovvero la testa, il cuore, le mani». In questo senso, ha detto il Papa, «l’università diventa un laboratorio per il futuro del Paese».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

18 agosto 2019

NOTIZIE CORRELATE